Il primo quotidiano online della provincia di Vercelli

PASSERA FATALE PER CORRADO BAGLIONE - Gianluca Buonanno si sente tradito e scomunica il Sindaco di Gattinara al sinistro suono della trombetta da stadio (Trippa per i gatti 272)

Tutto questo ieri ad Arborio, di fronte ad ammutoliti maggiorenti della Lega

Passera fatale per Corrado Baglione, Sindaco di Gattinara,

Non si tratta di un cotta irrimediabile cui pure avrebbe diritto - data l'età - il giovane Sindaco.

Il fatto è politico e così il giovane ieri ad Arborio ha dovuto subire l’anatema del Piccolo Re in procinto di partire per l’Europarlamento dove avrebbe – di lì a poco – pensato a sistemare anche il Commissario Federica Mogherini.

Ma andiamo con ordine.

Lo stato maggiore della Lega Nord (per l’indipendenza della Padania?) era convocato ieri sera ad Arborio per preparare il prossimo Congresso provinciale.

Per la Segreteria c’è già una candidature certa, quella di Gian Luca Buonanno.

E quindi la questione può dirsi tranquillamente archiviata.

Sicchè del tempo ne è rimasto per il cherem.

Il rito di pubblica riprovazione che toccò, alla Sinagoga di Amsterdam, a Baruch de Spinosa.

I fatti sono noti: le posizioni troppo libere del filosofo stavano strette al sinedrio e così si arrivò alla deplorazione, all’espulsione dalla Sinagoga, al bando dal consorzio umano.

La tremenda sentenza fu pronunciata con il lugubre accompagnamento del suono sinistro dello shofar, il corno che emette il monocorde lamento: pooooooh!

E forse in luogo dello shofar ad accompagnare il cherem di Buonanno ai danni del giovane sindaco della Città del vino è stata impiegata proprio quella trombetta da stadio che di lì a poche ore – magari perché se l’è ritrovata in valigia – oggi ha suonato ai danni della mogherini per dirle che lei – alle stregua di Baglione, non conta una beneamata fava.

Guarda anche: https://www.youtube.com/watch?v=Fl1DC2YPV3Q

Ecco come potrebbero essere andate le cose (al termine dell’articolo la scomunica originale, quella pronunciata ai danni di Baruch de Spinosa il 27 luglio 1656).

***

Pooooh – Sei andato al convegno di Corrado Passera a Roma – pooooh.

Non hai detto niente a nessuno – Poooooh

Hai addirittura preso la parola per dire buongiorno e buonasera – pooooh –

Senza di me non conteresti un c…o – poooooh –

Già non mi piace che tu faccia troppo il battitore libero – pooooh -

Se lo rifai ti tolgo Rovetti dalla Giunta di Gattinara – pooooooooooooooh!

***

L’ultima parte dell’anatema – quella forse più severa, per non dire spietata  - va spiegata.

Bisogna infatti sapere che la Giunta del Comune di Gattinara è caratterizzata per la presenza di un Assessore al bilancio – il Commercialista biellese Mario Rovetti - di assoluta fiducia del Piccolo Re, sicchè – vadano le cose come vogliono – anche senza essere direttamente nell’esecutivo, è comunque sempre aggiornato su tutto.

Segno che la fiducia, probabilmente, non regnasse sovrana già  in origine.

Ritirare Rovetti dalla Giunta sarebbe un po’ come richiamare gli Ambasciatori in Patria quando le relazioni diplomatiche tra due potenze stanno ai minimi termini.

Non si sa come l’abbia presa il protagonista involontario della serata, appunto Daniele Baglione.

Il fatto però è ormai di dominio pubblico. Era presente praticamente tutto lo stato maggiore della Lega, ringalluzzito per i rinverditi fasti elettorali propiziati dal Segretario Matteo Salvini.

C’erano i Sindaci al completo: Claudio Tambornino, Michela Rosetta, Carla Camoriano, Eraldo Botta; poi Angelo Dago e Massimo Basso per la Provincia.

Nutrito il drappello dei Valsesiani.

Per la città di Vercelli ( grande assente l’aventiniano Ercole Fossale ) Alessandro Stecco, Gian Carlo Locarni e Gian Piero Borzoni, ex fossaliano, ora convertito all’ortodossia valsesiana.

Ma che avrebbe fatto di male Daniele Baglione?

Sarebbe andato ad un convegno organizzato da Corrado Passera per presentare la sua nuova formazione politica.

Sicchè forse si è insinuato il dubbio, nel Segretario della Lega Nord, che il giovane si stia guardando un po’ attorno.

E se fosse?

***

Ma ecco il testo dell’anatema di Spinosa:

“I Signori del Mahamad rendono noto che, venuti a conoscenza già da tempo delle cattive opinioni e del comportamento di Baruch Spinoza, hanno tentato in diversi modi e anche con promesse di distoglierlo dalla cattiva strada. Non essendovi riusciti e ricevendo, al contrario, ogni giorno informazioni sempre maggiori sulle orribili eresie che egli sosteneva e insegnava e sulle azioni mostruose che commetteva – cose delle quali esistono testimoni degni di fede che hanno deposto e testimoniato anche in presenza del suddetto Spinoza – questi è stato riconosciuto colpevole. Avendo esaminato tutto ciò in presenza dei Signori Rabbini, i Signori del Mahamad hanno deciso, con l'accordo dei Rabbini, che il nominato Spinoza sarebbe stato bandito (enhermado) e separato dalla Nazione d'Israele in conseguenza della scomunica (cherem) che pronunciamo adesso nei termini che seguono:

Con l'aiuto del giudizio dei santi e degli angeli, con il consenso di tutta la santa comunità e al cospetto di tutti i nostri Sacri Testi e dei 613 comandamenti che vi sono contenuti, escludiamo, espelliamo, malediciamo ed esecriamo Baruch Spinoza. Pronunciamo questo herem nel modo in cui Giosuè lo pronunciò contro Gerico. Lo malediciamo nel modo in cui Eliseo ha maledetto i ragazzi e con tutte le maledizioni che si trovano nella Legge. Che sia maledetto di giorno e di notte, mentre dorme e quando veglia, quando entra e quando esce. Che l'Eterno non lo perdoni mai. Che l'Eterno accenda contro quest'uomo la sua collera e riversi su di lui tutti i mali menzionati nel libro della Legge; che il suo nome sia per sempre cancellato da questo mondo e che piaccia a Dio di separarlo da tutte le tribù di Israele affliggendolo con tutte le maledizioni contenute nella n. E quanto a voi che restate devoti all'Eterno, vostro Dio, che Egli vi conservi in vita. Sappiate che non dovete avere con Spinoza alcun rapporto né scritto né orale. Che non gli sia reso alcun servizio e che nessuno si avvicini a lui più di quattro gomiti. Che nessuno dimori sotto il suo stesso tetto e che nessuno legga alcuno dei suoi scritti”.

***

VercelliOggi.it è e sarà sempre gratuito.

Puoi aiutarci a crescere effettuando una libera donazione nelle modalità seguenti, illustrate cliccando questo link:

http://www.vercellioggi.it/donazioni.asp

Commenta la notizia su https://www.facebook.com/groups/vercellioggi