il primo portale quotidiano della provincia di Vercelli

SANTHIA’ - Barbara Appiano presenta a Torino il suo nuovo libro “Umanità Anno Zero”

Una carovana di personaggi che agisce fra visioni oniriche e dimensione concreta del mondo, esplorando il cuore vivo dell’esistenza

Ama definirsi una “lavoratrice socialmente utile”; con le sue opere vuole smuovere le coscienze, e invitare l’essere umano alla riscoperta dello stupore di fronte alla vita, allontanandosi da smartphone e centri commerciali. La scrittrice Barbara Appiano, venerdì 26 gennaio alle 18 nella sede del Circolo dei Lettori di Torino, presenterà il suo nuovo libro “Umanità Anno Zero” (Fondazione Mario Luzi Editore). Appiano, residente a Santhià ma di origine torinese, sarà accompagnata nella presentazione del volume da Mattia Leombruno, presidente della Fondazione Mario Luzi, e dal giornalista de La Stampa Roberto Maggio.
"Umanità Anno Zero” è una carovana di personaggi che agisce fra visioni oniriche e dimensione concreta del mondo, esplorando il cuore vivo dell’esistenza. Un romanzo che nella prefazione lo stesso Leombruno paragona al Piccolo Principe di Saint Exupert e alle favole di Pinocchio. La protagonista del romanzo è l'elefantessa Araba, liberata dal circo in cui è rinchiusa da Calypso, un bimbo profugo siriano. Insieme con loro ci sono Benjamin, Gonzalo e Blasdemetrio, tre bambini sopravvissuti alla guerra civile di El Salvador. Appiano, durante l’appuntamento di venerdì al Circolo dei Lettori (Palazzo Granieri dela Rocca, sala lettura n.5) lancerà l’idea di trasformare la storia del libro in un film, alla difesa del nostro amato pianeta e di tutti gli esseri viventi che la abitano. I capitoli del libro potranno essere in qualche modo “adottati”: in questo modo ognuno potrà avere un genitore "adottante" per affinità di contenuto, che sarà chiamato a parlare con l'elefante destinato a diventare l'anima del film. Insieme al romanzo sarà presentato anche il Manifesto Cuturale (
https://www.change.org/p/petizione-contro-gli-sfruttatori-dei-simboli-che-rappresentano-gli-animali-emiflex-non-e-pubblicita-in-buca-e-l-umanita-in-fuga) basato sui capitoli del libro, con un appello ai movimenti ambientalisti, animalisti e a tutti gli esseri umani sensibili al tema, per il finanziamento di un film documentario, ispirato al libro, in difesa del pianeta terra e degli animali in estinzione.