Il primo quotidiano online della provincia di Vercelli

VERCELLI – Al Seminario un emozionante incontro dibattito sul tema life largelearning

E’ stato un pomeriggio ricco di riflessioni con un ampio e proficuo dibattito

Un pomeriggio davvero ricco di emozioni e di spunti di riflessione quello offerto a docenti e studenti venerdì 16 febbraio dall’UCIIM di Vercelli. In una affollata aula magna del Seminario arcivescovile si è svolto l’incontro/dibattito sul tema del life largelearning, una prospettiva metodologica nuova, adatta all’insegnamento nella scuola di oggi, cui non basta più la trasmissione teorica e astratta dei contenuti e che ha invece bisogno di “allargare” i suoi orizzonti per una formazione globale e completa. Tale prospettiva è al centro del saggio Erostudente del dottor Giovanni Lo Storto, direttore generale della LUISS Guido Carli, che ha saputo coinvolgere giovani e adulti, unendo alla ricchezza delle conoscenze pedagogiche e delle competenze professionali un linguaggio chiaro e diretto. Ben sollecitato dalle puntuali domande della prof.ssa Cristina Meini, docente di filosofia della mente dell’Università del Piemonte Orientale, il dottor Giovanni Lo Storto ha lanciato ai docenti e agli studenti un invito appassionato all’impegno nel cambiamento, che richiede l’uso di tecniche e strumenti nuovi ma soprattutto esige il ricorso ad esperienze formative che, offrendo opportunità nuove, consentano di imparare dalla realtà e di produrre così crescita e progettualità. In questa direzione si è inserita la presentazione di un’esperienza vissuta dagli studenti della classe IV chimici dell’ITI Faccio di Vercelli all’inizio dell’anno scolastico in corso. I ragazzi hanno raccontato attraverso parole e immagini la settimana di alternanza scuola-lavoro trascorsa al monastero di Bose, descrivendola con convinzione ed entusiasmo e offrendo una testimonianza concreta di largelearning, che ha colpito tutto il pubblico. A questo bel momento sono seguite le numerose domande degli studenti dell’Istituto Lagrangia, scaturite dalla lettura del libro e dalla discussione in classe: ne è risultato un ampio e proficuo dibattito, che ha dimostrato quanto le questioni educative stiano a cuore ai giovani e quanto questi giovani vogliano essere protagonisti del loro percorso formativo.